nuovo logo legambiente                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

                                                                                                                                                                                                                                                                           

Chi è online

 22 visitatori online

Progetto Che Aria Tira Veneto

Che Aria Tira? - Progetto di citizen science per il monitoraggio dell'aria

 http://www.cheariatira.it/rete-centraline-di-monitoraggio-provincia-di-venezia/

Cliccando sul link http://www.cheariatira.it/rete-centraline-di-monitoraggio-provincia-di-venezia/ guarda la mappa aggiornata delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria attive nella Provincia di Venezia.Le centraline della prima rete indipendente di monitoraggio dell’aria e dell’inquinamento di Venezia analizzano in tempo reale e 24 ore su 24 sia il PM2.5 e sia il PM10. I colori delle centraline corrispondono, come da legenda sulla mappa, all’ultimo dato registrato in tempo reale. Cliccando su una singola centralina si può vedere nello specifico l’ultimo dato registrato per entrambi gli inquinanti analizzati (PM2.5 e PM10) e si avrà la possibilità (cliccando sulla voce “Dettaglio”) di accedere alla pagina specifica di ogni singola centralina. Li si potranno trovare tutti i grafici in tempo reale, le medie orarie delle ultime 24 ore e le medie giornaliere degli ultimi 60 giorni.

 

http://www.cheariatira.it/   A questo link troverete tutte le informazioni su  Che Aria Tira?”  E' un progetto di Cittadinanza Attiva e di Citizen Science che ha come obbiettivo quello di costruire una rete di automonitoraggio della qualità dell’aria, dove i cittadini, le associazioni/organizzazioni o altre istituzioni possono costruirsi una propria centralina di monitoraggio ambientale e condivedere i dati online sulla nostra piattaforma. Il progetto ha un anima completamente open source e sposa a pieno la filosofia dell’Open Data, della Trasparenza e della Partecipazione. Ringraziamo gli amici di Firenze per averci dato modo di creare una rete autonoma di monitoraggio dell'aria.



 



 

La canzone circolare

La prima canzone nata per essere proseguita, in pieno stile economia circolare. Da Elio e le Storie (Tese) Circolari a Legambiente.

   


Parte la raccolta di firme per una tares equa e puntuale PDF Stampa
Mercoledì 03 Luglio 2013 16:04

 

 
Biodiversità a rischio.Dossier 2013 PDF Stampa
Lunedì 01 Luglio 2013 10:19

Biodiversità a rischio

La perdita di biodiversità nel Pianeta avanza a ritmi sconcertanti. Degradato il 60% degli ecosistemi terrestri. Anche in Italia specie a rischio estinzione.

L’Italia ospita circa 67.500 specie di piante e animali, circa il 43% di quelle descritte in Europa e il 4% di quelle del Pianeta. Una straordinaria varietà biologica a rischio per le attività antropiche che stanno accelerando l’inquinamento dell’aria e distruggendo gli habitat. La Lepre Italica, la Rana di Lataste, il Barbastello Comune, l’Ululone Appenninico, rischiano di scomparire.  Nel resto del mondo la perdita di biodiversità avanza con tassi che incidono da 100 a 1000 volte più del normale. Negli ultimi 50 anni, si è degradato il 60% degli ecosistemi terrestri con pesanti ripercussioni socio economiche.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (rapporto biodiversità 2013_bassa.pdf)rapporto biodiversità 2013_bassa.pdf 1086 Kb
 
kankambiente a Forte Poerio a Mira PDF Stampa
Martedì 18 Giugno 2013 20:57

 

Immagine in linea 2

della Riviera del Brenta e del Miranese

in collaborazione con

Ostaria Dai Kankari e Cooperativa Primavera

presentano

Immagine in linea 3


KANKAMBIENTE

Un weekend di musica, iniziative e laboratori per e con l'ambiente a Forte Poerio

21-22-23 Giugno 2013

 

 

V e n e r d ì    2 1

 

18:30 presentazione del rapporto Ecomafie 2013

"Si scrive lotta alla corruzione, si legge

difesa dell'ambiente e dei beni comuni"

 

Relatori: Antonio Pergolizzi, Osservatorio ambiente e legalità Legambiente; Alberto Sperotto, comitato contro il traforo delle Toricelle (Verona) ; Mattia Donadel, Opzione Zero ; Luigi Lazzaro, presidente Legambiente Veneto ; Ernesto Milanesi e Sebastiano Canetta, giornalisti .

 

21:00 Musica dal vivo con la

Compagnia di Canto Popolare

CIACOE S'CETE

 

 

 

S a b a t o   2 2

 

16:00 Laboratori per bambini a cura di Legambiente  (face painting, boomerang, riuso della carta, ecc.)

 

18:00 Visita guidata allo stagno della biodiversità

 

21:00 "Le cose intorno: poesia per voci sparse"

Rassegna di lettura poetica accompagnata dalla chitarra di

ALBERTO ZILIOTTO

 

 

D o m e n i c a   2 3

 

16:00 Pet-therapy con gli asinelli

Laboratori per bambini a cura di Legambiente

(face painting, boomerang, riuso della carta, ecc.)

 

17:00 Visita guidata allo stagno della biodiversità

 

18:00 Cinzia Barillaro ed i suoi cani addestrati ci introducono al Pet-therapy

 

Ore 21:00 Musica dal vivo con gli

ECOCOSTANTE

 

C/o Forte Poerio - Via Risorgimento - Oriago di Mira (Ve)

 
Stop Al Consumo diSuolo PDF Stampa
Martedì 14 Maggio 2013 18:29

 

Volentieri pubblichiamo un video prodotto dal Comitato ProComplanare di Martellago

 
L'età del cemento PDF Stampa
Sabato 11 Maggio 2013 17:06

 

 

Una regione invasa dal cemento. Una colata grigia che investe la Lombardia al ritmo di 100mila metri quadrati al giorno, divorando la Pianura Padana, le coste lacustri e i suoi boschi. Un fenomeno, quello del consumo di suolo, tanto sconvolgente quanto silenzioso che è cresciuto vorticosamente negli ultimi 10 anni.

Campi coltivati, prati verdi e boschi lasciano il posto a villette, centri commerciali ed ecomostri, per lo più al centro di interessi speculativi poco chiari. Palazzi e capannoni spuntano come funghi a fronte di tantissime abitazioni vuote presenti nella regione. Ma a chi servono i nuovi edifici se poi restano invenduti? Perché costruire ad ogni costo?
E' questo l'interrogativo che si pone "L'età del Cemento" che in un viaggio attraverso la Lombardia documenta l'orizzonte di una regione, divenuta una distesa di gru e betoniere. Un viaggio attraverso quell'angolo d'Italia in cui la terra -- risorsa non rinnovabile -- non gode di alcuna tutela. A raccontarlo sono le voci di chi ogni giorno vive e subisce il consumo di suolo: tra chi resiste e chi è minacciato da nuovo cemento e chi rischia di perdere la propria casa per far posto ad un'autostrada.

Scritto e diretto da Mario Petitto

in collaborazione con Casba Film

Riprese
Elena Maggioni
Hulda Federica Orrù

Montaggio
Carlotta Marrucci

Musiche
Vito Gatto

Una produzione Legambiente Lombardia

 
<< Inizio < Prec. 41 42 43 44 45 Succ. > Fine >>

Pagina 42 di 45